Giachetti Raggi Roma

Elezioni per il Sindaco di Roma: la sfida finale su Twitter

La sfida a due sta per finire: Virginia contro Roberto per una solo poltrona. Quella di Sindaco di Roma.

Abbiamo visto come comunicavano i candidati (qui)  per poi seguire (qui) Giachetti e Raggi, i vincitori del primo turno, dopo i risultati che li hanno mandati al ballotaggio.

A pochi giorno dal voto della Capitale cosa dicono su Twitter il candidato del Partito Democratico e quella del Movimento 5 Stelle?

Si comincia con Virginia Raggi che tocca un tasto dolente di Roma: la mobilità.

Roberto Giachetti propone ai suoi followers una foto con Richard Gere e coglie l’occasione per vantare un’amicizia comune molto speciale. Forse la foto vuole mostrare una rete di conoscenze che solo un uomo di potere e pronto a governare può avere? 

La candidata a diventare il primo sindaco donna della Capitale risponde con una foto di un comizio in una zona non centrale della città. Vuole comunicare vicinanza alle persone comuni, alle periferie, ai problemi reali. 

Il candidato Dem cavalca l’onda dell’ironia riproponendo l’imitazione fatta nel programma di Fiorello. Sembra voler sdrammatizzare, ridere in opposizione alla seria determinazione della sfidante. Una sorta di superiore voglia di sorridere.

Torniamo sul fronte 5 Stelle: Virginia Raggi accusa direttamente il Partito Democratico di essere responsabile del “Disastro Roma”. 

Ancora tanta ironia (ai limiti del sarcasmo) per “Bobo” Giachetti. Sembra questa la tattica finale dello “sfavorito” al Campidoglio: abbassare i toni e mostrarsi come un esperto politico capace di capire i reali problemi della città, con concretezza. 

Il 12 Giugno è andato in onda, o forse sarebbe meglio dire “in rete”, il dialogo più cattivo tra i due. Virginia Raggi accusa Giachetti di volere la privatizzazione dell’Atac, buco nero di soldi pubblici di Roma. La replica non si fa attendere. 

Il giorno prima avevano reso omaggio entrambi (uno dei due di persona) a Enrico Berlinguer

L’ex radicale ha proposto un hashtag decisamente provocatorio: #5No. Un diretto riferimento alla classica critica mossa contro il Movimento 5 Stelle: non saper proporre ma solo dire no. 

Virginia Raggi ha preferito mettere l’accento su uno “cavalli di battaglia” del M5S: la trasparenza. 

Giachetti, continuando con ironia, fa notare che la Raggi fugge dai confronti. 

Come finirà la sfida? Lo sapremo domenica notte.

 

 

 

Lascia un commento