Call to Action

I contenuti sponsorizzati ai tempi dei Social Network

In principio erano i cartelloni pubblicitari. Subito  dopo il giornale. Poi la radio. In seguito la TV. Infine Internet.

Cosa vendono questi media? Come avete detto? Informazione, contenuti, intrattenimento? Sbagliato: la risposta giusta è PUBBLICITA’. Ogni epoca ha avuto il suo canale di comunicazione che ne ha segnato lo spirito del tempo. I consumatori venivano influenzati attraverso un sistema “One To Many” e “Broadcast”: il brand parlava, il consumatore ascoltava, in silenzio, senza possibilità di interazione. Al massimo poteva consigliare a voce un prodotto. Al bar, in piazza, a cena con gli amici.

 

Pubblicità e sponsor 1.0
Pubblicità e sponsor 1.0
one-to-many
Il modello “Da uno a molti”

 

Secondo una ricerca di “Truth In Advertising” erano oltre 100 i post Instagram con fini commerciali delle mitiche (in senso Social) sorelle Kardashian. L’organizzazione no profit aveva minacciato le webstar (anche per motivi di video non proprio per famiglie) di ricorrere alla Federal Trade Commission (FTC). Senza farselo ripetere due volte Kim ha fatto il post che potete vedere qui sotto.

Kardashian e la pubblicità sui social
Kardashian e la pubblicità sui social

 

Le forme di comunicazione cambiano, gli obiettivi dei brand restano gli stessi: aumentare la visibilità, far crescere gli introiti e fare in modo che i consumatori parlino positivamente di un prodotto.  ViraVox è una piattaforma che, insieme ad altri come Buzzoole o Friendz o LovBy, cerca di far condividere contenuti all’interno di una sfera di fiducia molto forte: la rete personale dei Social Network. A differenza degli altri peròViraVox paga in soldi reali per le condivisioni degli utenti. Clic, Condividi, Guadagna.

 

Pensateci: cosa influisce su un vostro acquisto, in misura maggiore? Uno spot Tv o un consiglio di un amico?

ViraVox aumenta la visibilità e i guadagni grazie al passaparola tra utenti
ViraVox aumenta la visibilità e i guadagni grazie al passaparola tra utenti

 

Il post è stato originariamente pubblicato sul (nostro) Blog di ViraVox 

Lascia un commento